Articoli con tag: vescovo

S. Ilario di Poitiers

Vescovo e Padre della Chiesa, Festa: 13 gennaio

Cari fratelli e sorelle,

la-fet2oggi vorrei parlare di un grande Padre della Chiesa di Occidente, sant’Ilario di Poitiers, una delle grandi figure di Vescovi del IV secolo. Nel confronto con gli ariani, che consideravano il Figlio di Dio Gesù una creatura, sia pure eccellente, ma solo creatura, Ilario ha consacrato tutta la sua vita alla difesa della fede nella divinità di Gesù Cristo, Figlio di Dio e Dio come il Padre, che lo ha generato fin dall’eternità. Continua a leggere

Categorie: Benedetto XVI, Cose da Santi... | Tag: , , , , | 11 commenti

Sant’Ambrogio

Cari fratelli e sorelle,

St.Peter_am_Wimberg_Kirche_-_Kanzel_4_Ambrosiusil santo Vescovo Ambrogio – del quale vi parlerò quest’oggi – morì a Milano nella notte fra il 3 e il 4 aprile del 397. Era l’alba del Sabato santo. Il giorno prima, verso le cinque del pomeriggio, si era messo a pregare, disteso sul letto, con le braccia aperte in forma di croce. Partecipava così, nel solenne Triduo pasquale, alla morte e alla risurrezione del Signore. «Noi vedevamo muoversi le sue labbra», attesta Paolino, il diacono fedele che su invito di Agostino ne scrisse la Vita, «ma non udivamo la sua voce». A un tratto, la situazione parve precipitare. Onorato, Vescovo di Vercelli, che si trovava ad assistere Ambrogio e dormiva al piano superiore, venne svegliato da una voce che gli ripeteva: «Alzati, presto! Ambrogio sta per morire…». Onorato scese in fretta – prosegue Paolino – «e porse al Santo il Corpo del Signore. Appena lo prese e deglutì, Ambrogio rese lo spirito, portando con sé il buon viatico. Così la sua anima, rifocillata dalla virtù di quel cibo, gode ora della compagnia degli angeli» (Vita 47). In quel Venerdì santo del 397 le braccia spalancate di Ambrogio morente esprimevano la sua mistica partecipazione alla morte e alla risurrezione del Signore. Era questa la sua ultima catechesi: nel silenzio delle parole, egli parlava ancora con la testimonianza della vita. Continua a leggere

Categorie: Cose da Santi... | Tag: , , , , , | 5 commenti

S. Ignazio di Antiochia

S. Ignazio di Antiochia -Vescovo e martire, Padre della Chiesa 

st_ignatius_antioch_2Sant’Ignazio, che è stato il terzo Vescovo di Antiochia, dal 70 al 107, data del suo martirio. In quel tempo Roma, Alessandria e Antiochia erano le tre grandi metropoli dell’Impero romano. Il Concilio di Nicea parla di tre «primati»: ovviamente, quello di Roma, ma vi erano poi anche Alessandria e Antiochia che vantavano un loro «primato». Sant’Ignazio, come s’è detto, era Vescovo di Antiochia, che oggi si trova in Turchia. Qui, in Antiochia, come sappiamo dagli Atti degli Apostoli, sorse una comunità cristiana fiorente: primo Vescovo ne fu l’apostolo Pietro – così ci dice la tradizione –, e lì «per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani» (At 11,26). Eusebio di Cesarea, uno storico del IV secolo, dedica un intero capitolo della sua Storia Ecclesiastica alla vita e all’opera letteraria di Ignazio (3,36). «Dalla Siria», egli scrive, «Ignazio fu mandato a Roma per essere gettato in pasto alle belve, a causa della testimonianza da lui resa a Cristo. Compiendo il suo viaggio attraverso l’Asia, sotto la custodia severa delle guardie» [che lui chiama «dieci leopardi» nella sua Lettera ai Romani 5,1], «nelle singole città dove sostava, con prediche e ammonizioni, andava rinsaldando le Chiese; soprattutto esortava, col calore più vivo, di guardarsi dalle eresie, che allora cominciavano a pullulare, e raccomandava di non staccarsi dalla tradizione apostolica» (3,36,3-4). La prima tappa del viaggio di Ignazio verso il martirio fu la città di Smirne, dove era Vescovo san Policarpo, discepolo di san Giovanni. Qui Ignazio scrisse quattro lettere, rispettivamente alle Chiese di Efeso, di Magnesia, di Tralli e di Roma. «Partito da Smirne», prosegue Eusebio, «Ignazio venne a Troade, e di là spedì nuove lettere»: due alle Chiese di Filadelfia e di Smirne, e una al Vescovo Policarpo. Eusebio completa così l’elenco delle lettere, che sono giunte a noi come un prezioso tesoro. Leggendo questi testi si sente la freschezza della fede della generazione che ancora aveva conosciuto gli Apostoli. Si sente anche in queste lettere l’amore ardente di un Santo. Finalmente da Troade il martire giunse a Roma, dove, nell’Anfiteatro Flavio, venne dato in pasto alle bestie feroci. Continua a leggere

Categorie: Benedetto XVI, Cose da Santi... | Tag: , , , , , | 5 commenti

Mons. Luigi Negri nuovo vescovo di Ferrara!

 

 

Vesc_Negri_Reliquie

Il Santo Padre Benedetto XVI ha accettato la rinuncia al governo pastorale dell’arcidiocesi di Ferrara-Comacchio (Italia), presentata da S.E. Mons. Paolo Rabitti, in conformità al can. 401 §1 del Codice di Diritto Canonico.

Il Papa ha nominato Arcivescovo di Ferrara-Comacchio (Italia) S.E. Mons. Luigi Negri, trasferendolo dalla diocesi di San Marino-Montefeltro.

 S.E. Mons. Luigi Negri

S.E. Mons. Luigi Negri è nato a Milano il 26 novembre 1941. Ha frequentato il Liceo Classico “G. Berchet” dal 1955 al 1960, dove ha aderito al Movimento di Gioventù Studentesca, divenendone dal 1965 al 1967 il primo Presidente diocesano.

Nel 1965 ha conseguito la Laurea in Filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e nello stesso anno è stato nominato Assistente del Prof. Gustavo Bontadini alla Cattedra di Filosofia Teoretica della medesima Università.

Nel 1967 è entrato nel Seminario di Venegono ed è stato ordinato presbitero il 28 giugno 1972. Nell’ottobre dello stesso anno ha conseguito la Licenza in Teologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale. È stato Membro della Fraternità sacerdotale “A. Schuster”. In seno al Movimento ha seguito il settore scuole ed educazione fino al 1993. Tra il 1980 ed il 1985 con un gruppo di docenti universitari e di personalità ecclesiastiche ha creato un comitato promotore di Convegni organizzati nelle principali città italiane per divulgare il Magistero di Giovanni Paolo II.

Dal 1986 al 1990 ha collaborato per la costruzione di una scuola permanente di formazione e di diffusione della Dottrina Sociale della Chiesa. È stato Docente di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università del Sacro Cuore e di Introduzione alla Teologia presso la stessa Università. Ha avuto incarichi di insegnamento alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale, di Lugano ed al Seminario Vescovile di Albenga. Si è impegnato generosamente per la diffusione della Dottrina Sociale della Chiesa e del Magistero di Giovanni Paolo II, di cui è considerato profondo conoscitore.

Eletto alla sede vescovile di San Marino-Montefeltro il 17 marzo 2005, è stato consacrato Vescovo il 7 maggio dello stesso anno.

Il Presule è autore di numerose pubblicazioni in varie riviste.

Fonte: news.va

203500_106324499426340_166368313_q

Non avete idea quanto ne sono felice di questa notizia! Evviva!!!

Categorie: News Flash | Tag: , , | 9 commenti

S. Bonaventura, Vescovo e Dottore della Chiesa

Bonaventura, al secolo Giovanni Fidanza, nacque a Civita di Bagnoregio (VT), molto pro­babilmente nel 1217, da Giovanni Fidanza, medico, e da Maria di Ritello.

Portò inizialmente il nome del padre, Giovanni, che cambiò in Bonaventura al momento del suo ingresso nella famiglia francescana. Della sua infanzia si conosce pochissimo. Lui stesso racconta che, ancora fanciul­lo, venne guarito da una pericolosa malattia per l’intercessione di S. Francesco.

Non si sa quando Bonaventura ha lasciato Bagnoregio (forse nel 1235) per studiare a Parigi, né si conosce la parte avuta dai genitori o dai frati nella decisione, ma è facilmente intuibile l’appoggio dei francescani, ben radicati anche in Francia, ad un loro studente, anche se quando è partito, forse, non pensava di farsi frate.

Studiò alla Sorbona di Parigi dove, nel 1243, divenne Dottore di Arti. Avendo poi scelto di seguire Francesco, prese la strada della teologia e nel 1253 diventa magister (cioè “maestro“) di teologia e ottiene la licentia docendi (la “licenza d’insegnare“). Continua a leggere

Categorie: Cose da Santi... | Tag: , , , , , , | 3 commenti

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: