Come è nato il culto alla Madonna?

illus-309tb.picIl culto alla Vergine Maria nel corso dell’anno liturgico è una costante ricorrente e molto importante. Questa devozione ha radici antiche che ci riportano ai primi secoli dell’epoca cristiana. Già nel periodo a cavallo tra III e IV secolo compare la prima preghiera a Maria: il “Sub Tuum Praesidium”, anche nota in italiano “Sotto il tuo manto”. Questa è la preghiera a Maria più antica che si conosca e ciò è testimoniato da alcuni documenti; ad esempio ne è testimonianza il papiro copto che la riporta.

Il culto mariano nacque probabilmente in Oriente e si diffuse nell’Occidente attorno al IV secolo. Molto importanti furono tutti quegli approfondimenti teologici e quei dibattiti che avvennero durante i primi Concili. Questi (in particolare Nicea nel 325, Costantinopoli I nel 381, Efeso nel 431 e Calcedonia nel 451) videro degli approfondimenti sulla figura di Gesù e sul suo mistero. Parallelamente l’approfondimento era anche su Maria perché parlare ad esempio della vera umanità di Cristo, vuol dire toccare anche la sua nascita e questa coinvolge a sua volta la Vergine.

Tra tutti i temi, uno molto importante fu quello della “Theotokos”, termine greco che significa “Madre di Dio”. Riconoscere Maria come madre di Dio, e dunque come persona legata alla storia della salvezza, ha fatto nascere un culto nei suoi confronti molto intenso e devoto. Maria appare, e così è indicata, come il modello di chi vuole arrivare a Gesù. Lei è il modello della preghiera, della devozione e della vita cristiana in genere.

Come diremo ancora più avanti, è tutta la Chiesa che vede in Maria il suo modello nella sequela di Cristo. La storia della Chiesa vedrà uno sviluppo di questo culto soprattutto nelle preghiere, nell’arte e nella letteratura e la nostra Italia è ricca di testimonianze artistiche. Prima di arrivare al mese di maggio come tempo a lei dedicato ci furono nuovi sviluppi. Nel Medioevo nacque la prassi di dedicare alla Vergine Maria il giorno del sabato. In quell’epoca nascono le preghiere più famose e diffuse come l'”Ave Maria” e la “Salve Regina”. È sempre in questo periodo che viene coniato il termine “Madonna”, il quale deriva dal latino “mea-Domina” ovvero “mia signora, mia padrona”.

Sarà dopo il Concilio di Trento che avverrà l’istituzione di alcune feste mariane, soprattutto quelle legate alle apparizioni della Vergine. A oggi le più famose sono Lourdes e Fatima ma queste due appartengono ai secoli successivi. Inoltre legati alle feste c’è anche il fenomeno della costruzione dei primi santuari mariani.

Nei giorni nostri molto importanti sono alcuni documenti che trattano della devozione mariana come la “Marialis Cultus” di Paolo VI (1974), la “Redemptoris Mater” (1987) e la “Rosarium Virginis Mariae” (2002) di Giovanni Paolo II e i numeri 52-69 della “Lumen Gentium” (1964) del Concilio Vaticano II. La Chiesa dunque venera con un particolare amore Maria perché è indissolubilmente legata all’opera di salvezza che ha operato Gesù. Le motivazioni teologiche che fondano questa devozione sono dunque molto alte e sicure e, per tale altezza spirituale, Maria stessa si pone come modello di tutta la Chiesa.

maria20

A proposito di festeggiamenti e ricordo nella preghiera, le tre solennità principali secondo il calendario sono la Maternità di Maria (1 gennaio), l’Immacolata Concezione (8 dicembre) e l’Assunzione in Cielo (15 agosto). Vi sono poi anche altre memorie, come ad esempio la memoria di Maria SS.ma del monte Carmelo (16 luglio), la Beata Vergine Maria di Lourdes (11 febbraio), ecc. La dedicazione di un mese alla memoria di Maria ha origini nella pietà popolare cristiana.

Lungo i secoli il mese di maggio, assieme a quello di ottobre, è stato legato a Maria, diventando per il credente un tempo di esercizio nella preghiera e nell’affidamento spirituale. Se nel Medioevo questi mesi erano ancora ricchi di feste pagane, per questo come risposta fu incrementata la devozione mariana, ora hanno soltanto il carattere di essere dedicati a Maria. Entrambi poi sono noti come i mesi del Rosario e dunque per la preghiera di speciale raccordo a lei. L’evoluzione che ha portato a questi mesi mariani è iniziata nel Medioevo e si è conclusa attorno ai secoli XVII e XVIII.

Una ricchezza speciale del mese di maggio è di essere inserito nel tempo pasquale: il tempo di Pasqua non termina la Domenica stessa, ma continua, con tutta la sua portata di gioia, per cinquanta giorni. Questi giorni, detti cinquantina pasquale, sono un tempo di grazia speciale per far memoria della Risurrezione di Cristo ed è una provvidenza felice che il mese di maggio si troverà sempre nel pieno della Pasqua. Per questa ragione è possibile “sfruttare” quella ricchezza teologica e spirituale che deriva dal vivere insieme il tempo della Risurrezione e quello di Maria, vera icona del cristiano che vive da risorto.

tumblr_m9y57zEpgT1qa2fuyo1_r1_1280È il caso di dire che il culto mariano non è solo a sentimentalismo religioso e fredda aridità devozionale. Questo non potrebbe essere né vera devozione, né un culto da ricercare. Si deve piuttosto comprendere in che cosa Maria può essere di aiuto per la salvezza personale. La prima certezza che può guidare il fedele cristiano è che Maria è veramente madre di Gesù e allo stesso tempo è una creatura come noi. Lei ha vissuto accanto a Gesù quando questo era bambino ed è rimasta con lui fino alla morte. Nella vita pubblica di Gesù compare al seguito del figlio e fedelmente vi rimane sino alla croce, dove, stette ferma soffrendo profondamente con lui; infine dallo stesso Gesù morente fu data al discepolo Giovanni come madre.

Da questo momento in poi lei rimase con gli altri apostoli, come racconta il libro degli Atti, e con loro pregava Dio per il dono dello Spirito. È perché Maria ha preso parte a tutti i misteri della vita di Cristo che può essere la mediatrice tra il fedele cristiano e Gesù. Lei inoltre è stata esaltata da Dio stesso con l’Assunzione in cielo. Questa seconda verità è un ulteriore fondamento del culto speciale in suo onore. La forza della pregnanza del mese di maggio è davvero grande.

Infatti, non si è ancora spenta l’eco delle campane pasquali che ci hanno annunziato l’alleluia della risurrezione, che già inizia il grande mese di Maria. Se il mistero della resurrezione ci ha concesso di renderci purificati e rinnovati per accogliere la grazia del Signore, il mese di Maria ci dona la possibilità di incontrarlo attraverso una mediatrice, che è la sua stessa madre.

Celebrare il mese di maggio pregando Maria, particolarmente attraverso la recita del Santo Rosario, significa rivolgersi a colei che più da vicino vive con il Signore e mentre a noi parla di Lui, a Lui parla di noi. Si è legata inoltre a questo periodo la tradizione di celebrare le Prime Comunioni durante le domeniche. Anche questo, se vogliamo osservarlo in ottica mariana, è un dono della pedagogia della Chiesa perché l’incontro con il Signore cui ci può portare Maria, con la Comunione ci è offerto dal Signore stesso. Maria dunque è una donna vera che ha saputo cogliere nella propria esistenza la logica di Dio e, avanzando nel cammino della fede, è diventata l’immagine perfetta di chi vuole seguire Signore.

Cosimo Quaranta

Fonte

Categorie: Il Rosario, In Cristo Re e Maria Santissima, Maria Santissima | Tag: , , , , , , , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Come è nato il culto alla Madonna?

  1. Mariella Santarelli

    Ave maria madre di Dio prega per noi peccatori adesso e nell’ora della nostra morte gloria al padre al figlio ed allo spirito santo buona e santa giornata a tutti mariella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: