San Juan Diego Cuauhtlatoatzin

Juan Diego Cuauhtlatoatzin (in azteco il suo nome significa“colui che grida come un’aquila”) nacque verso il 1474.

Guadelupe5Contadino in un modesto villaggio della Guadalupe, convertito al cristianesimo, fu uno dei primi indios, nel 1524,  a ricevere il battesimo col quale assunse il nome cristiano di Juan Diego. Con lui fu battezzata anche la moglie Malintzin, col nome di Maria Lucia, che morì nel 1528.

Juan Diego è noto per le apparizioni della Vergine Maria che avvennero tra il 9 e il 12 dicembre 1531 sulla collina di Tepeyac nei pressi di Città del Messico.

Prima apparizione : la mattina del 9 dicembre 1531, mentre sta attraversando la collina del Tepeyac per raggiungere la città, l’indio è attratto da un canto armonioso di uccelli e dalla visione dolcissima di una Donna che lo chiama per nome con tenerezza. La Signora gli dice di essere “la Perfetta Sempre Vergine Maria, la Madre del verissimo ed unico Dio” e gli ordina di recarsi dal vescovo a riferirgli che desidera le si eriga un tempio ai piedi del colle. Juan Diego corre subito dal vescovo, ma non viene creduto.

Tornando a casa la sera, incontra nuovamente sul Tepeyac la Vergine Maria, a cui riferisce il suo insuccesso e chiede di essere esonerato dal compito affidatogli, dichiarandosene indegno. La Vergine gli ordina di tornare il giorno seguente dal vescovo, che, dopo avergli rivolto molte domande sul luogo e sulle circostanze dell’apparizione, gli chiede un segno. La Vergine promette di darglielo l’indomani.

Il giorno seguente, però, Juan Diego non può tornare: suo zio, Juan Bernardino, è gravemente ammalato e lui viene inviato di buon mattino a Tlatelolco a cercare un sacerdote che confessi il moribondo.

Giunto in vista del Tepeyac decide perciò di cambiare strada per evitare l’incontro con la “Signora”. Ma la Signora è là davanti a lui e gli domanda il perché di tanta fretta. Juan Diego si prostra ai suoi piedi e le chiede perdono per non poter compiere l’incarico affidatogli presso il vescovo, a causa della malattia mortale dello zio.

La “Signora” lo rassicura, affermando che lo zio è già guarito, e lo invita a salire sulla sommità del colle per cogliervi i fiori. Juan Diego sale e con grande meraviglia trova sulla cima del colle dei bellissimi“fiori di Castiglia”: è il 12 dicembre. In questo periodo dell’anno, solstizio d’inverno secondo il calendario giuliano allora vigente, né la stagione né il luogo, una desolata pietraia, sono adatti alla crescita di fiori del genere.

Juan Diego ne raccoglie un mazzo che porta alla Vergine, la quale, però, gli ordina di presentarli al vescovo come prova della verità delle apparizioni. Juan Diego ubbidisce e, giunto al cospetto del presule, apre il suo mantello e all’istante sulla tilma si imprime e rende manifesta alla vista di tutti l’immagine della Santa Vergine. Di fronte a tale prodigio, il vescovo cade in ginocchio, e con lui tutti i presenti.

anbetung_vor_juan_diego

La mattina dopo Juan Diego accompagna il presule al Tepeyac per indicargli il luogo in cui la Madonna ha chiesto che le sia innalzato un tempio. Nel frattempo l’immagine, collocata nella cattedrale, diventa presto oggetto di una devozione popolare che si è conservata ininterrotta fino ai nostri giorni.

Dopo questi fatti, Juan Diego si ritirò a vivere in penitenza e orazione in una piccola casa costruita per lui presso il santuario. Qui visse per 17 anni fino alla morte avvenuta nel 1548.

Juan Diego è stato dichiarato beato il 6 maggio 1990 e proclamato santo dal Beato Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005), il 31 luglio 2002, in occasione della sua quinta visita pastorale in Messico (per approfondimenti e  l’omelia è  Canonizzazione del Beato Juan Diego Cuauhtlatoatzin ).

 S. Juan Diego, primo Santo messicano, è chiamato ambasciatore-messaggero di Santa Maria di Guadalupe.

La sua memoria liturgica è il 9 dicembre, data della prima apparizione (mentre il  12 dicembre, giorno dell’ultima, si festeggia la Madonna di Guadalupe).

Categorie: Feste cattoliche | Tag: , , , , , | 11 commenti

Navigazione articolo

11 pensieri su “San Juan Diego Cuauhtlatoatzin

  1. Mariella Santarelli

    gloria al padre al figlio ed allo spirito santo come era in principio ora sesempre nei secoli dei secoli buona e santa giornata atutti buona novena del santo natale

  2. 61Angeloextralarge

    Grazie Karin! Quante sono le meraviglie di Maria! :-D

  3. 61Angeloextralarge

    Karin: oggi è la Festa della Madonna di Loreto. Loreto per me è “casa”. Ci sono stata, dopo tanto tempo, giovedì pomeriggio ed è stato molto bello perché, anche se oggi è la Festa, nei giorni scorsi non c’erano molte persone. Ho potuto fare tutto con molta pace, senza il consueto accalcarsi di fedeli. Pensa che sono stata per mezzora e più in confessione! Quando capita? Di rado!
    Appena arrivata in piazza, dalla porta dove c’è la statua di Giovanni XXII, ho visto il presepe: mi si è stretto il cuore! Stavano preparando l’albero ed era grande e bellissimo: vedere gli operai, con le luci già accese, mi ha fatto pensare che “devo lavorare” tanto su me stessa.
    Non ho potuto non pensarti! E non pensare ad altri, che come te, nel mio cuore e nei miei pensieri siete associati a Loreto. Vi ho presentati tutti alla Mamma!
    Mi sono sentita privilegiata da Dio: essere a Loreto, durante l’Anno della Fede, durante la Novena dell’Immacolata e a pochissimi giorni dalla Festa, con già il presepe e l’albero illuminato, con la grazia di “avere quasi tutta la Basilica per me”… Come non pensare ad un anticipo del Paradiso?

  4. paola

    Che bello questo tuo “quadro”! Quasi mi vergogno di non essere mai venuta a Loreto; in compenso, c’è mia figlia che ogni anno cammina nella marcia notturna Macerata Loreto ( e dice che è una gran bella stancata..) :-)

    • 61Angeloextralarge

      Eh, sì! La Macerata-Loreta è una stancata “bella” in tutti i sensi! Non mi posso permettere il lusso fisico di farla e sentendo le testimonianze e vedendo le fotografie o i video amatoriali, mi manca molto. Dopo tutto quel pellegrinare, arivare davanti alla Basilica (chi ha la grazia di entrarci), dev’essere una cosa bellissima! E le luminarie notturne? Ahhhhh! :-D

      • paola

        Una cosa carina che mi raccontava è che lungo la strada, in piena notte, trovavano gente che porgeva bottiglie d’acqua e salutava incoraggiante…visto, ‘sti marchiciani?

        • 61Angeloextralarge

          Sti marchigiani non son gentaccia! Ma è previsto dagli organizzatori. Addirittura c’è un pulmino che “raccoglie” quei pellegrini che sono in “panne” e li porta a Loreto.

  5. Anch’io ho un particolare legame con Loreto, ma non ho avuto il tempo di scriverlo in un post.
    Purtroppo il tempo a mia disposizione, ultimamente è poco.
    Ringrazio Angela e Paola che compensano egregiamente. :D
    Baci!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: