Satana: indiavolato con il Papa!

È una mattina di maggio dell’anno 2009. Joseph Ratzinger è Papa già da quattro anni. Nel corso del suo pontificato ha parlato più volte di Satana. Capisco che per lui il demonio è uno spirito esistente, che lotta e agisce contro la Chiesa. E contro di lui. Altrimenti non si spiegherebbero frasi del genere: «Per quanti continuano a peccare senza mostrare nessuna forma di pentimento, la prospettiva è la dannazione eterna, l’inferno, perché l’attaccamento al peccato può condurci al fallimento della nostra esistenza. È il tragico destino che spetta a chi vive nel peccato senza invocare Dio. Solo il perdono divino ci dà la forza di resistere al male e non peccare più. Gesù è venuto per dirci che ci vuole tutti in paradiso e che l’inferno, del quale poco si parla in questo nostro tempo, esiste ed è eterno per quanti chiudono il cuore al suo amore».

E ancora: «Oggi constatiamo con dolore nuovamente che a Satana è stato concesso di vagliare i discepoli visibilmente davanti a tutto il mondo. E sappiamo che Gesù prega per la fede di Pietro e dei suoi successori. Sappiamo che Pietro, attraverso le acque agitate della storia, va incontro al Signore ed è in pericolo di affondare, ma viene sempre di nuovo sorretto dalla mano del Signore e guidato sulle acque».

Fa caldo in piazza San Pietro. La primavera è oramai inoltrata. Il sole picchia sulla piazza dove una folla di fedeli aspetta il Papa. È mercoledì, il giorno dell’udienza generale. I fedeli sono arrivati da tutto il mondo. Dal fondo della piazza entra un gruppetto di quattro persone. Due donne e due giovani uomini. Le donne sono due mie assistenti. Mi aiutano durante gli esorcismi, pregano per me e per i posseduti e assistono per quanto è loro possibile i posseduti nel loro lungo e difficile percorso di liberazione. I due giovani uomini sono due posseduti. Nessuno lo sa. Lo sanno soltanto loro e le due donne che li “scortano”.

Quel mercoledì le donne decidono di portare i due all’udienza del Papa perché pensano che potrebbero trarne giovamento. Non è un mistero che molti gesti e parole del Papa facciano imbestialire Satana. Non è un mistero che anche la sola presenza del Papa inquieti e in qualche modo aiuti i posseduti nella loro battaglia contro colui che li possiede. I quattro si avvicinano verso le transenne in prossimità del “palco” da dove Benedetto XVI di lì a poco è chiamato a parlare. Le guardie svizzere li fermano. Non hanno i biglietti per proseguire oltre. Le due donne insistono. È importante per loro riuscire a portare i due posseduti il più possibile vicino al Papa. Le guardie svizzere non ammettono deroghe e intimano loro di allontanarsi. Così una delle due donne fa finta di sentirsi male. La sceneggiata ottiene un risultato.

I quattro vengono fatti accomodare oltre le transenne, nei posti riservati ai disabili.
«Avete visto, Giovanni e Marco?» chiedono le due donne ai due posseduti. «Ce l’abbiamo fatta. Tra poco arriverà il Papa e noi siamo qui vicini a lui.» I due non parlano. Sono stranamente silenziosi. È come se coloro che li possiedono (si tratta di due demoni diversi) stiano cominciando a capire chi di lì a poco arriverà in piazza.
Suonano le dieci. Dall’arco delle campane, il portone a fianco della basilica vaticana, esce una jeep bianca. Sopra tre uomini. Un guidatore, il Papa in piedi e, seduto al suo fianco, il suo segretario particolare monsignor Georg Gänswein.

Le due donne si girano verso Giovanni e Marco. Istintivamente li sorreggono con le braccia. I due, infatti, iniziano ad avere comportamenti strani. Giovanni trema e batte i denti. Le due donne capiscono che qualcuno sta cominciando ad agire nel corpo di Giovanni e di Marco. Qualcuno che col passare dei minuti si mostra sempre più agitato. «Giovanni, mantieni il controllo di te stesso» dice una delle due donne.
«Mantieni il controllo, Giovanni. Non farti sopraffare. Reagisci. Mantieni il controllo.» L’altra donna dice le stesse parole a Marco. Giovanni non sembra ascoltare le parole della donna. Salvo, d’improvviso, girarsi e dirle con voce lenta e che sembra venire da non si sa quale mondo: «Io non sono Giovanni».

La donna non dice più nulla. Sa che con il diavolo solo un esorcista può parlare. Se lei lo facesse sarebbe molto rischioso. Così rimane in silenzio e si limita a sostenere il corpo di Giovanni ora completamente in mano al demonio. La jeep gira per tutta la piazza. I due posseduti si piegano per terra. Battono la testa per terra. Le guardie svizzere li osservano ma non intervengono. Sono forse abituate a scene del genere? Forse sì. Forse altre volte hanno assistito alle reazioni dei posseduti innanzi al Papa.
La jeep compie un lungo percorso. Poi arriva in cima alla piazza, a pochi metri dal portone della basilica vaticana. Il Papa scende dall’auto e saluta le persone poste nelle prime file.

Giovanni e Marco, insieme, iniziano a ululare. Sdraiati per terra ululano. Ululano fortissimo. «Santità, santità, siamo qui!» urla al Papa una delle due donne cercando di attirare la sua attenzione. Benedetto XVI si gira ma non si avvicina. Vede le due donne e vede i due giovani uomini per terra che urlano, sbavano, tremano, danno in escandescenze. Vede lo sguardo d’odio dei due uomini. Uno sguardo diretto contro di lui. Il Papa non si scompone. Guarda da lontano. Alza un braccio e benedice i quattro. Per i due posseduti è una scossa furente. Una frustata assestata su tutto il corpo. Tanto che cadono tre metri indietro, sbattuti per terra. Adesso non urlano più. Ma piangono, piangono, piangono. Gemono per tutta l’udienza. Quando poi il Papa se ne va, rientrano in se stessi. Tornano se stessi. E non ricordano nulla.

Benedetto XVI è temutissimo da Satana. Le sue messe, le sue benedizioni, le sue parole sono come dei potenti esorcismi. Non credo che Benedetto XVI compia esorcismi. O almeno la cosa non mi risulta. Credo tuttavia che tutto il suo pontificato sia un grande esorcismo contro Satana. Efficace. Potente. Un grande esorcismo che molto dovrebbe insegnare ai vescovi e ai cardinali che non credono: costoro comunque dovranno rispondere della loro incredulità. Non credere e soprattutto non nominare esorcisti laddove ce ne è esplicito bisogno è, a mio avviso, un peccato grave, un peccato mortale.

Il modo con cui Benedetto XVI vive la liturgia. Il suo rispetto delle regole. Il suo rigore. La sua postura sono efficacissimi contro Satana. La liturgia celebrata dal Pontefice è potente. Satana è ferito ogni volta che il Papa celebra l’eucaristia.
Satana molto ha temuto l’elezione di Ratzinger al soglio di Pietro. Perché vedeva in lui la continuazione della grande battaglia che contro di lui ha fatto per ventisei anni e mezzo il suo predecessore, Giovanni Paolo II.

Capitolo dedicato a Papa Ratzinger ed estratto da “L’ultimo esorcista. La mia battaglia contro Satana”, il libro che Don Amorth ha scritto con il vaticanista Paolo Rodari (Edizioni Piemme, pp. 263).

Categorie: L'esorcismo | Tag: , , , , , , , | 24 commenti

Navigazione articolo

24 pensieri su “Satana: indiavolato con il Papa!

  1. e le forze degl’inferi non prevaranno contro di essa :)

  2. Ma i due poveracci sono stati liberati?

  3. 61Angeloextralarge

    Fresco di stamattina. Le ultime righe, tanto per cambiare, la Madonna le “dedica” alla richiesta di preghiere, di rispetto, di amore per i sacerdoti. Questa volta dice “non giudicateli”. E’ veramente una Mamma:

    “Figli miei, di nuovo vi prego maternamente di fermarvi un momento e di riflettere su voi stessi e sulla transitorietà di questa vostra vita terrena. Poi riflettete sull’eternità e sulla beatitudine eterna. Voi cosa desiderate, per quale strada volete andare? L’amore del Padre mi manda affinché sia per voi mediatrice, affinché con materno amore vi mostri la via che conduce alla purezza dell’anima, di un’anima non appesantita dal peccato, di un’anima che conoscerà l’eternità. Prego che la luce dell’amore di mio Figlio vi illumini, che vinciate le debolezze e usciate dalla miseria. Voi siete miei figli e io vi voglio tutti sulla via della salvezza. Perciò, figli miei, radunatevi intorno a me, affinché possa farvi conoscere l’amore di mio Figlio ed aprire così la porta della beatitudine eterna. Pregate come me per i vostri pastori. Di nuovo vi ammonisco: non giudicateli, perché mio Figlio li ha scelti. Vi ringrazio.” (Medjugorje 2 luglio 2012, alla veggente Mirjana)

  4. Eh si, non giudichiamoli, supportiamoli e sopportiamoli nella preghiera.
    Ma non ha mica detto che non possiamo dare qualche “calcettino” lieve, lieve… ;)

    • 61Angeloextralarge

      Mumble… mumble… mumble… E se poi il “calcettino” lieve lieve ce lo prendiamo noi quando “andiamo di là” a bussare? Preferisco non rischiare… ;-)

      • Normalmente faccio presente subito al diretto interessato quando prende un’abbagliata pazzesca. Non possiamo neanche disfarci della nostra responsabilità.

        • 61Angeloextralarge

          Ma questo non è il “calcetto” che avevo capito! ;-) Questo è “valido”!!!

          • Questo è quello che uso di più, ma deve essere proprio grave e a volte capita anche che ho frainteso e la persona mi spiega e ne sono grata. :)

  5. Angela, credo che sia bene chiarire: cosa intendi tu per “giudicare”? :)

    • 61Angeloextralarge

      Scusa il ritardo ma l’ho visto solomora…
      Giudicare? Secondo me significa esprimere una opinione personale su qualcosa, su qualcuno, su qualche situazione. Il tutto in base alle proprie conoscenze, ai propri gusti, alla propria storia (ferite, gioie, etc.).
      La Madonna ha detto in un altro messaggio: “Molti fanno dipendere la loro religione da come si comportano i sacerdoti, ma questo è sbagliato. Non tocca a voi giudicare e apprezzare”.

      • Allora, ho cercato a lungo, ne farò anche un articolo, ma il giudizio è qualcosa di diverso da una opinione o valutazione. E’ una parola abusata perché il giudizio ha bisogno di un giudice, necessariamente. Un giudizio è un verdetto, spesso irrevocabile, su un fatto, mai sulla persona. Neanche quando saremo davanti a Cristo saremo giudicati come creature di Dio, ma in che cosa abbiamo trasformato la nostra vita, sul bene e sul male che abbiamo fatto. Spesso scriviamo male e sembra che venga giudicata una persona, e si sbaglia, in realtà no, abbiamo tutti gli strumenti però per giudicare bene o male dei fatti e non deve mai essere irrevocabile, ogni momento è buono che una persona possa cambiare, e questa porta non la dobbiamo chiudere mai, altrimenti la priviamo di una grazia redentrice.
        D’altra parte, se non dico a mio fratello che ha peccato, sto peccando io. Per farlo c’è bisogno davvero di tanta illuminazione per non offendere, non umiliare, ma essere giusti e misericordiosi nello stesso tempo.
        Se leggiamo nel Vangelo in quali occasione viene usata la parola “giudizio”, scopriremo che si tratta sempre di un verdetto definitivo. Il nostro non lo è, non lo deve essere mai.

        • 61Angeloextralarge

          Purtroppo lo è. Il commento di padre Livio quando parla del termine “giudicare” in questo messaggio ed in altri, è inteso come l’ho interpretato io, cioè guardare-esaminare-.condannare.
          Tieni conto che viene tradotto dal croato, quindi il termine è un po’ diverso.

          Poi, c’è la correzione fraterna, e quella, se ci esaminiamo bene, è per pochi.
          Prima di dire a mio fratello che sta sbagliando, devo pregare molto per capire se veramente st sbagliando o se sono io che vedo male. Poi, devo pregare ancora molto per chiedere il dono di non ferirlo, il dono di non far passare il mio “sentire” ma il “sentire” di Dio. Se poi il fratello (nel caso fosse effettivamente in errore) non ascolta, non dobbaimo lavarcene le mani ma affidarlo al Signore e continuare a pregare per lui.
          “Il profeta come sentinella” è colui che avvisa quando viene il pericolo, ma non è responsabile se gli altri non ascoltano. Se non avvisa, invece, è responsabile.

          • Angela, io non sto parlando di “sentimenti” ma di dottrina della Chiesa. Sappiamo bene i 10 comandamenti, conosciamo il Magistero della Chiesa, non sono sentimenti, sono delle regole per appunto, regolare il nostro giusto comportamento davanti a Dio.

  6. 61Angeloextralarge

    Karin: scusa ma sono rimasta al messaggio, cioè al “non giudicare i sacerdoti”. Il riferimento è alla brutta abitudine che abbiamo di “giudicare” i nostri preti: non ci sta mai bene nulla di quello che fanno! Poi ci sono i casi ecclatanti e il discorso cambia, ma ordinariamente le nostre parrocchie sono un pullulare di chiacchiere e di maldicenze e la “colpa” è sempre dei preti..

    • No, Angela, io non parlo di questo. Parlo di sacerdoti che durante l’Eucaristia dicono che è “in ricordo di Cristo”, oppure parlano contro il Papa durante la Messa, o che fanno pubblicità durante l’omelia per un partito. Ne ho sentito di tutti i colori, e solo allora mi permetto di intervenire.
      Se non mi piace un sacerdote epidemicamente, o se il modo di celebrare la S. Messa non va bene per la mia sensibilità, basta che cambio parrocchia. :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: