Misere nobis

Mio Signore e mio Dio, abbi pietà di me!
Ti adoro e ti amo con tutto il mio cuore.

Categorie: Quaresima e S. Pasqua 2012 | Tag: , | 14 commenti

Navigazione articolo

14 pensieri su “Misere nobis

  1. 61Angeloextralarge

    Grazie! non mi piace ripetermi ma i video che inserisci…. :-D

  2. 61Angeloextralarge

    O Maria, Madre della speranza,
    Tu che hai conosciuto la fragilità dell’uomo
    attraverso la sofferenza del Tuo figlio,
    volgi i tuo sguardo materno
    a ogni sofferenza e debolezza umana.
    Tu che hai sperato contro ogni speranza
    sotto la croce del Tuo Figlio,
    infondendo fiducia ai discepoli smarriti e delusi,
    ottieni per tutti noi la consolazione della speranza.
    Noi ti preghiamo, o Madre della speranza:
    chiedi al Tuo Figlio che abbia misericordia
    e ci sostenga nei momenti più bui della vita.
    Intercedi per noi affinché viviamo nel tempo
    con la speranza dell’eternità
    per contemplare così con gioia
    la gloria di Cristo Risorto.
    Amen!

  3. Credo che nessun poeta al mondo, meglio di Dante, abbia dato sublimi interpretazioni dell’infinita Misericordia Divina:
    – “ma la bontà infinita ha si gran braccia, // che prende tutto che si rivolge a lei”

    e poi:
    – “tu te ne prendi di costui l’eterno // per una lacrimuccia ch’el mi toglie, // ma io farò dell’altro altro governo.!

    • 61Angeloextralarge

      Marshall. ti devo dare ragione! :-D

    • Mi fido di te e Angela, purtroppo la poesia non è il mio forte. :(

      So soltanto che nessuno abbia descritto la misericordia di Dio come Suor Faustina Kowalska.
      Un giorno mi confessai da un anziano ma tostissimo Padre Francescano e fu folgorata dalla sua sapienza e illuminazione. Erano oltre 20 anni che stavo cercando una guida spirituale e speravo che potesse essere lui e glielo chiesi. Mi diede l’appuntamento per un incontro e dopo avergli parlato si alzò, prese un libro, me lo consegnai e mi disse: “Questa è l’unica guida spirituale della quale hai bisogno, non ti serve null’altro!” Era il Diario di Suor Kowalska.

      • 61Angeloextralarge

        Amo Santa Faustina!
        Non concordo su quanto ti ha detto il Padre Francescano: sono convinta che tutti dovremmo avere una guida spirituale, soprattutto perché, anche se a decidere dobbiamo essere noi, è importante avere un confronto con qualcuno che prega per noi e ci conosce. Nessuno di noi è, sempre a mio avviso, in grado di discernere le proprie cose. Come si fa a distinguere quello che viene da Dio da quello che viene dal mio io ed infine da quello che viene dall’abitante dei piani inferiori? Il vero discernimento non è tra il bene ed il male, ma tra cose che ai nostri occhi sono tutte buone e belle! Il bene dal male, se proprio li vogliamo separare, non c’è bisogno che qualcuno ce li spieghi. Se non ne siamo in grado è perché in realtà vogliamo far finta di non capire.
        Dante ha scritto la più bella delle lodi alla Madonna, la più completa teologicamente, al punto che la Chiesa la recita come inno dei Vespri delle ricorrenze mariane:

        Vergine Madre, figlia del Tuo Figlio,
        umile e alta più che creatura,
        termine fisso d’eterno consiglio,

        Tu se’ colei che l’umana natura
        nobilitasti sì, che ‘l suo fattore
        non disdegnò di farsi sua fattura.

        Nel ventre Tuo si raccese l’amore,
        per lo cui caldo ne l’eterna pace
        così è germinato questo fiore.

        Qui se’ a noi meridiana face
        di caritate, e giuso, intra’ mortali,
        di speranza fontana vivace.

        Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
        che qual vuol grazia e a Te non ricorre
        sua disianza vuol volar sanz’ali.

        La tua benignità non pur soccorre
        a chi domanda, ma molte fiate
        liberamente al dimandar precorre.

        In Te misericordia, in Te pietate,
        in Te magnificenza, in Te s’aduna
        quantunque in creatura è di bontate.

        DIVINA COMMEDIA, Canto del Paradiso XXXIII, 4-20

  4. E’ davvero stupenda, e ogni tanto la recitavamo nei pullman quando faceva la guida dei pellegrinaggi a Medjugorje. Incantevole ed emozionante sono queste parole eccelse.

    Per quanto riguarda la guida spirituale ho poi dato retta al Padre Francescano tostissimo. Ma anche a me e mi sono cercata un’altra. ;)

    Ora ho il libro e un bravissimo sacerdote. Ahahahaha…. :P

  5. “Vergine madre, figlia del tuo figlio”
    Già da questo verso si intuisce in quale momento di grazia si trovò Dante quando scrisse quel canto.
    Va da sè che l’ho imparato a memoria: è di immensa profondità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: